16 giugno 2018


Ancora soldi spesi per la pista ciclabile



La nostra “groviera d’oro”, costata sinora più di 2 milioni di euro, continua a richiedere soldi pubblici. Parliamo della pista ciclabile di via San Vito che nonostante gli iniziali 1,6 milioni di euro ed i successivi 400.000 euro necessita ora di altri lavori per la manutenzione ordinaria e straordinaria della sua fioriera in legno. Con un affidamento diretto per un importo complessivo di 19.500 euro, l’Amministrazione Vitto ha dato mandato di sistemare i componenti in legno e gli ancoraggi in ferro della fioriera nonché alcune panchine pubbliche allocate nelle aree ludiche del territorio comunale. “E io pago!”.
Read More

15 giugno 2018


Bilancio civico trasparente in Regione. E a Polignano?



A Polignano, il bilancio trasparente, accessibile e facilmente leggibile da tutti i cittadini è ancora un lontanissimo miraggio. Della “casa di vetro” promessa a gran voce dai palchi sin dal lontano 2012 dal Sindaco Domenico Vitto non si è visto praticamente nulla sinora. Ciò nonostante da anni gli Attivisti M5S di Polignano premono affinché si ottenga finalmente una lettura chiara e diretta delle spese che, ogni anno, vengono effettuate a Palazzo di Città. Mentre l’Amministrazione a guida PD langue, un suggerimento utile sul “come fare” glielo fornisce il gruppo 5 Stelle della Regione Puglia che ha presentato la piattaforma “Bilancio Civico”. “Un regalo ai pugliesi - visto che la Puglia è stata la prima ad applicare il progetto open source sviluppato da Gianmarco Tuccini e Paolo Landi dell'associazione Redde rationem - con l’obiettivo di renderlo uno strumento istituzionale”.

Attraverso il sito www.puglia5stelle.it, tutti i cittadini potranno consultare in modo trasparente e leggibile il Bilancio regionale. L’auspicio è che questo, come accaduto per lo streaming e per altre iniziative che oggi in tanti stanno emulando, possa far capire come sia possibile nel 2018 sfruttare gli strumenti che la tecnologia mette al servizio della politica e della collettività. Su “Bilancio Civico” si possono trovare i dati pubblicati in forma omogenea e leggibile in un database che consente una visualizzazione sia in forma aggregata che dettagliata delle voci del bilancio regionale pugliese. Questo consente di individuare i soggetti finali di finanziamenti, fare interrogazioni e ricerche (ad esempio inserendo il nome di un’azienda nell’apposito motore di ricerca), oppure ordinare le entrate e le spese in ordine crescente e decrescente, sia per operazioni che per sezioni, atti e soggetti.

Per raggiungere la trasparenza basta un po’ di tecnologia ma serve tanta volontà politicacommenta la consigliera Maria La Ghezza (M5S)Una volontà non emersa sinora dalle Amministrazioni guidate dal Sindaco Vitto e succedutesi negli ultimi 6 anni. Spero si colga l’occasione per cambiare radicalmente rotta e dare, finalmente, uno strumento utile a tutti i cittadini le cui tasse vengono spese senza dar loro adeguato conto. Tranne poi tornare a bussar cassa quando servono altri soldi, come nel caso Tari”.

Read More

14 giugno 2018


Rubrica "Degrado Urbano": il cassonetto esploso



I lavori si sono conclusi poco prima delle elezioni amministrative 2017, ma l’inciviltà ha fatto sì che l’incontaminata bellezza di Largo Ardito non durasse che poco più di un anno. Come ci segnala un nostro concittadino, infatti, uno dei cestini portarifiuti dedicati alla differenziata – e in particolar modo al vetro e metalli – facente parte di uno dei set installati sul lungomare di Largo Ardito è deflagrato, esploso divenendo informe e forse anche pericoloso per i passanti.

La nostra consigliera Maria La Ghezza (M5S) ha già provveduto a segnalare la situazione alla Sezione Competente del Comune. Ci auguriamo che si intervenga subito.

Ricordiamo come basterebbe segnalare attraverso un’app gratuita, denominata “Decoro Urbano”, tutte quelle situazioni di degrado nel paese per cui è richiesto un pronto intervento delle autorità competenti. Lo chiediamo dal lontano 2012 senza riscontro dall’Amministrazione. E pensare che nel programma della coalizione di centrosinistra del 2012 vi era scritto esplicitamente: “Pronto intervento cittadino – Implementazione di servizi di geolocalizzazione di guasti, bidoni pieni, vandalizzazioni, dissesto stradale, problemi di viabilità per un ‘pronto intervento’ e per il continuo miglioramento della città”.

Sinora, le belle parole sono rimaste lettera morta. Questa maggioranza è stata anche in grado di bocciare la nostra mozione affinché i cittadini potessero avere, in futuro, uno strumento semplice ed efficace per rendere Polignano migliore e più efficiente. Incredibile!


Continuate ad inviarci le vostre segnalazioni.

Se non vedi le cose negative del mondo che ti circonda vivi in un paradiso di idioti” (Jaggi Vasudev).

Movimento 5 Stelle Polignano
polignanorevolution@gmail.com
polignano5stelle.it








Read More

13 giugno 2018


Fondi per la raccolta dei rifiuti abbandonati



La Regione Puglia ripropone le misure di sostegno ai comuni interessati alla rimozione di rifiuti illecitamente abbandonati su aree pubbliche. Una occasione che l’Amministrazione Vitto non dovrebbe lasciarsi sfuggire.
È stato emanato anche quest’anno un avviso pubblico rivolto ai Comuni pugliesi con procedura ‘a sportello', per la presentazione di domande di finanziamento per interventi di rimozione di rifiuti illecitamente abbandonati su aree pubbliche. Il contributo massimo concedibile ai Comuni come il nostro con popolazione sino a 20.000 abitanti è di 50.000 euro.
I requisiti richiesti nell’avviso pubblico e per la rimozione di:
  • illeciti abbandoni rilevati dagli organi di controllo su suoli di proprietà pubblica del territorio regionale, anche relativi ad aree di particolare interesse naturalistico, debitamente documentate;
  • illeciti abbandoni di rifiuti contenenti cumuli di manufatti in Cemento;
  • Amianto in condizioni di conservazione tali da costituire un concreto pericolo per la salute dei cittadini e per l’ambiente, come rilevato nei verbali di sopralluogo dagli organi di controllo su suoli di proprietà pubblica.
Le istanze dovranno pervenire entro le 12.00 del 1 luglio e potranno essere inviate esclusivamente a mezzo mail all'indirizzo PEC avvisi.ecotassa@pec.rupar.puglia.it.
Un’occasione di finanziamento da non perdere e che auspichiamo venga colta dall’Amministrazione.


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

Vitto snobba i fondi per la videosorveglianza



Continuano i furti, in paese e nelle campagne, e lo spaccio di droga a Polignano con grande dispendio d’energie per le poche forze dell’ordine che presidiano il territorio ma le politiche di contrasto alla criminalità stentano a decollare. La delibera del Consiglio monotematico fortemente richiesto dal Movimento 5 Stelle che mirava ad istituire una task force per comprendere le misure da mettere in atto è stata dapprima bocciata dalla maggioranza Vitto e poi annacquata dal Presidente De Donato. Ma sembra essere tuttora al palo. L’ultima spesa relativa alla videosorveglianza è quella dello scorso 31 dicembre, pari a 7.472 euro, per la manutenzione delle 14 telecamere presenti nel centro storico e in Largo Ardito (inclusa la sostituzione di 5 di queste).

“Ma quella che davvero manca – ammonisce la consigliera Maria La Ghezza (M5S) – è una vera e propria strategia da mettere concretamente in atto. Pericolo di infiltrazioni mafiose, incendi, furti d’auto, case svaligiate non smuovono di un centimetro questa amministrazione. Né si fa il minimo sforzo per andare ad intercettare quei fondi che potrebbero risultare molto utili per scoraggiare gli eventi criminosi sul nostro territorio”.

La consigliera comunale 5 Stelle fa riferimento al decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14 recante “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città”, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 aprile 2017, n. 48 “Patti per l’attuazione della sicurezza urbana e installazione di sistemi di videosorveglianza”. Si tratta di patti che tengono conto anche delle esigenze delle aree rurali confinanti con il territorio urbano e definiscono concretamente gli interventi da mettere in campo incidendo su specifici contesti territoriali. Tra gli obiettivi: la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria attraverso l’installazione di sistemi di videosorveglianza per i quali è stata autorizzata una spesa complessiva di 37 milioni di euro per il triennio 2017-2019.

“Insomma, un sacco di soldi a disposizione per le Amministrazioni di buona volontà in grado di programmare – continua Maria La Ghezza (M5S) – Il Segretario Generale dell’ANCI Veronica Nicotra, in merito, ha anche inviato una comunicazione formale a tutti i sindaci italiani inerente la circolare del Ministero dell’Interno dello scorso 28 marzo con la quale si dirama lo schema di Patto per la sicurezza urbana dedicato ai sistemi di videosorveglianza e relativo alla concessione dei contributi con scadenza il prossimo 30 giugno. Paghiamo all’associazione dei comuni di cui Vitto è Presidente per la Puglia circa 3.000 euro l’anno di quota d’iscrizione, ma per fare cosa? – si chiede la consigliera 5 Stelle – Per permettere al Sindaco di farsi i selfie o per, magari, intercettare opportunità? Io ancora non l’ho capito e intanto le notizie di furti, spaccio e malavita a Polignano si susseguono. Ho anche perso la fiducia – conclude La Ghezza (M5S) – che questa Amministrazione possa intercettare i fondi che le segnaliamo: sembra quasi farlo a dispetto ad ignorarli. Contenti loro..”.

Read More

12 giugno 2018


300mila euro di risparmi con il Compostaggio di Comunità



Dopo l’agosto 2016, quando fu solo il Tar Puglia a mantenerlo aperto, l’impianto privato Tersan per lo smaltimento dei “rifiuti umidi” di ben 22 Comuni del barese è ora bloccato da un problema al sistema di aspirazione degli odori. Un guasto che, seppur momentaneo (durerà un mese), sta comportando un incredibile aumento dei costi perché la frazione umida viene recapitata in Basilicata o a Foggia.


“Un ulteriore costo che pagheranno i polignanesi con le bollette Tari – commenta la consigliera Maria La Ghezza (M5S) – Eppure bastava ascoltare i suggerimenti del Movimento 5 Stelle che, da anni, ripete di intraprendere tutte le iniziative necessarie per creare anche a Polignano un impianto di compostaggio di comunità. Pensate che paghiamo ben 110 euro a tonnellata più IVA per lo smaltimento dei rifiuti organici presso la Tersan: rifiuti che i polignanesi diligentemente inseriscono nella pattumella marrone ma che non portano alcun beneficio al loro portafoglio. Anzi! – prosegue La Ghezza (M5S) – Con il compostaggio di comunità, Polignano potrebbe risparmiare ben 300.000 euro l’anno. Ora, invece, a causa della cecità politica di chi amministra il nostro Comune, i cittadini si ritroveranno a pagare pure di più per lo smaltimento di questi rifiuti sino alla Capitanata o alla Lucania. Soldi che Vitto non si farà problemi a ribaltare sulle tasche dei contribuenti – conclude – con la delirante scusa che la Tari deve coprire tutto il costo della gestione dei rifiuti”.

Read More

10 giugno 2018


Plastic Radar per tutelare il nostro mare dall'inquinamento



In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, Greenpeace ha lanciato il 5 giugno Plastic Radar, un servizio per segnalare la presenza di rifiuti in plastica sulle spiagge, sui fondali o che galleggiano sulla superficie dei mari italiani.
Una iniziativa alla portata di tutti: basta avere un telefono cellulare su cui sia installata l’applicazione Whatsapp e, una volta ritrovato un rifiuto in plastica sulle spiagge, sui fondali o sulla superficie dei mari italiani, segnalarlo al numero di Greenpeace +39 342 3711267 tramite l’applicazione. Per effettuare una segnalazione sarà necessario scattare una foto del rifiuto e, se possibile, fare in modo che sia riconoscibile il marchio e il tipo di plastica di cui è costituito. Successivamente va inviata a Greenpeace, insieme alle coordinate geografiche del luogo dove è stato individuato il rifiuto. Ogni segnalazione viene elaborata da Greenpeace e i dati relativi a tipo di rifiuto e posizione saranno disponibili in forma aggregata – nell’arco di 24-48 ore – sul sito plasticradar.greenpeace.it
L’iniziativa, oltre a far luce sui rifiuti in plastica più presenti nei mari italiani, vuole individuare anche i principali marchi che, da anni, continuano a immettere sul mercato enormi quantitativi di plastica, principalmente usa e getta, non assumendosi alcuna responsabilità circa il suo corretto riciclo e recupero” dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile campagna Inquinamento di Greenpeace Italia. Nei mesi scorsi l’associazione ambientalista ha lanciato una petizione (no-plastica.greenpeace.it), sottoscritta da più di un milione di persone in tutto il mondo, in cui si chiede ai grandi marchi come Coca-Cola, Pepsi, Nestlé, Unilever, Procter & Gamble, McDonald’s e Starbucks di ridurre drasticamente l’utilizzo di contenitori e imballaggi in plastica monouso.
Per la salvaguardia del nostro mare ci sembra molto importante rendere nota a quante più persone possibili questa iniziativa. Potremmo così conoscere anche quali marchi inquinano più la nostra costa ed il nostro mare per sollecitarli ad abbandonare il packaging usa&getta inquinante. Ci auguriamo che l’Amministrazione Vitto e la consigliera Lucia Brescia, così sensibile al tema ambientale, comprendano il valore del servizio Plastic Radar così da diffonderlo e pubblicizzarlo tra i nostri concittadini e i turisti di Polignano.


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

9 giugno 2018


Sportello CUP malfunzionante: la ASL Bari intervenga



Dopo la denuncia riportata sulle pagine del settimanale FAX lo scorso 19 maggio, il MoVimento 5 Stelle ha segnalato al Direttore Generale della ASL Vito Montanaro la situazione dello Sportello CUP di Polignano. Il tabellone per la precedenza degli utenti, infatti, è guasto da ben due anni, generando confusione e disagi sia agli utenti stessi che ai lavoratori. Per questo, sollecitata da Maria La Ghezza, la consigliera regionale Antonella Laricchia ha segnalato ufficialmente al DG Montanaro la questione, chiedendo un rapido intervento per ripristinare il corretto funzionamento del tabellone a beneficio di utenti e lavoratori. Talvolta sono le piccole cose a rendere per i cittadini un servizio efficiente e non un inferno.


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

8 giugno 2018


Rubrica "Degrado Urbano": il campo del Parco Giochi in autogestione



A due mesi dall’interrogazione presentata dalla nostra consigliera comunale Maria La Ghezza, la situazione al parco giochi Pinocchio, nel centro del paese, non è assolutamente cambiata. Il totale stato di abbandono e degrado regna tuttora sovrano e non si comprendono le intenzioni future dell’Amministrazione. Oggi ci è giunta quest’altra ulteriore segnalazione. Il campetto da calcio, oramai chiuso da quasi un anno perché inagibile, è tornato ad essere utilizzato dai ragazzi. La retina, infatti, è stata divelta e, presumibilmente, si è tornati a giocare all’interno nonostante il materiale ferroso arrugginito e i pericoli per l’incolumità di chi ne usufruisce. Quanto ancora dovranno aspettare le famiglie di Polignano per vedere un minimo di decoro e un servizio decente nel principale (se non unico) parco giochi cittadino?

Ricordiamo come basterebbe segnalare attraverso un’app gratuita, denominata “Decoro Urbano”, tutte quelle situazioni di degrado nel paese per cui è richiesto un pronto intervento delle autorità competenti. Lo chiediamo dal lontano 2012 senza riscontro dall’Amministrazione. E pensare che nel programma della coalizione di centrosinistra del 2012 vi era scritto esplicitamente: “Pronto intervento cittadino – Implementazione di servizi di geolocalizzazione di guasti, bidoni pieni, vandalizzazioni, dissesto stradale, problemi di viabilità per un ‘pronto intervento’ e per il continuo miglioramento della città”.

Sinora, le belle parole sono rimaste lettera morta. Questa maggioranza è stata anche in grado di bocciare la nostra mozione affinché i cittadini potessero avere, in futuro, uno strumento semplice ed efficace per rendere Polignano migliore e più efficiente. Incredibile!

Continuate ad inviarci le vostre segnalazioni.


Leggi anche:
- Decoro Urbano: attiviamo Polignano?
- Per chi ama davvero Polignano ecco il servizio gratuito "Decoro Urbano"
...attendiamo ancora risposta alla nostra richiesta, protocollata nell'ottobre 2012, di adozione della piattaforma decorourbano.org


Il nostro profilo DU: http://www.decorourbano.org/vedi-profilo/?idu=14101


"Se non vedi le cose negative del mondo che ti circonda vivi in un paradiso di idioti" (Jaggi Vasudev).


Inviateci le vostre segnalazioni:
- facebook: MoVimento 5 Stelle Polignano
- email: polignanorevolution@gmail.com


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

6 giugno 2018


La Scuola Media fa visita al Consiglio Regionale



Lo scorso 31 maggio alcuni studenti della Scuola media “Sarnelli De Donato Rodari” hanno partecipato alla visita presso il Palazzo del Consiglio Regionale pugliese. Un’iniziativa che promuove il contatto diretto tra gli studenti e l’Istituzione del Consiglio Regionale, a cui il Movimento 5 Stelle Polignano aveva invitato le scuole locali a partecipare. Il 12 dicembre 2018, poi, sarà la volta dell’Istituto IPSEOA.
Il progetto, dal nome “I ragazzi di Puglia in visita al Consiglio Regionale”, è promosso dalla Presidenza del Consiglio Regionale d'intesa con l'Ufficio Scolastico Regionale della Puglia e realizzato dalla Sezione Biblioteca e Comunicazione Istituzionale ed è rivolto agli alunni degli Istituti scolastici pugliesi al fine di promuovere la conoscenza dell'Istituzione e avvicinare i giovani alla politica, favorendo così la formazione di cittadini consapevoli e attivi.
Avvicinare i più giovani alle Istituzioni è molto importante per crescere cittadini consapevoli, coinvolti e attivi protagonisti della propria comunità. Ci fa piacere che il nostro invito rivolto in passato sia stato raccolto con profitto dalle scuole polignanesi.


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

5 giugno 2018


Fondi per il Campo Sportivo di Polignano



Era il 15 febbraio 2016, quando l’allora Amministrazione Vitto approvò il progetto preliminare per il rifacimento del campo sportivo Madonna d’Altomare, redatto dall’ing. Vitantonio Manfredi e dall’arch. Aurelia Pacelli. Il progetto prevedeva, oltre alla sostituzione del manto erboso, anche la costruzione di una gradinata e il rifacimento dell’intera area del campo comunale. I costi, pari a 895mila euro, sarebbero stati coperti nell’intenzione dell’allora assessore Giuseppe Modugno con il fondo “Sport e Periferie” del CONI. Ad oggi, però, il progetto non risulta ovviamente tra i 14 selezionati dalla Regione Puglia e candidati ai finanziamenti e, sebbene l’opera sia stata inserita nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche, sembra essersi trattato più di una promessa elettorale che altro. Con il passare del tempo, infatti, la Federazione ha sancito la scadenza del manto erboso del Madonna d’Altomare ed i due bandi preparati dalla nuova Amministrazione Vitto pare siano andati ambedue deserti o, comunque, non si hanno notizie in merito. Oggi la tribuna è pericolante, gli spogliatoi e i bagni fatiscenti come, del resto, l’intera struttura.
Cosa preveda di fare in futuro la Giunta Vitto per il campo sportivo non è dato sapere. Si potrebbe pensare in grande ipotizzando uno spostamento per ridare slancio all’intera zona ma se parliamo di spostamenti con questa maggioranza, in primis del depuratore, sappiamo che si tratta di presa per i fondelli. Tanto vale cercare di proporre una soluzione alla degradante e precaria situazione esistente, almeno per garantire che il calcio a Polignano non muoia. Per questo, torniamo a suggerire di aderire al nuovo bando ‘Sport Missione Comune 2018’ che stanzia ulteriori 100 milioni di euro per la riqualificazione degli impianti sportivi a tasso zero grazie all’accordo tra Credito Sportivo e Anci. Proprio l’associazione dei comuni presieduta in Puglia dal Sindaco dei Sindaci Domenico Vitto, il quale ha tempo sino al 5 luglio per farsi spiegare questa opportunità dai suoi vertici nazionali. Per la nostra Polignano si tratta di poter attingere a ben 4 milioni di euro. Sapranno almeno cogliere questa occasione?


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

4 giugno 2018


Caos Tari: replica a La Voce del Paese



Egregio Direttore,

è con grande rammarico che mi trovo qui a replicare al Suo editoriale pubblicato a pag. 2 dello scorso numero de “La Voce del Paese” dal titolo “L’Amministrazione Grillina di Santeramo aumenta la Tari”.
Ripongo grande fiducia e stima nel suo lavoro e mi risulta, pertanto, difficile pensare che un articolo del genere possa fuoriuscire dalla sua penna. Mi piace pensare, piuttosto, che sia stato qualche buontempone a suggerirle di intraprendere dei binari che, purtroppo, l’hanno condotta ad incocciare con un treno ad alta velocità.
Come le basterà professionalmente provare con l’incrocio delle fonti che contraddistingue il suo operato, in Puglia dove amministra il Movimento 5 Stelle i cittadini pagano meno tassa rifiuti.

A Mottola, guidata dal Sindaco 5 Stelle Giampiero Barulli, grazie all’avvio del servizio porta a porta la percentuale di raccolta differenziata è arrivata in pochi mesi al 66%, un risultato che ha consentito il pagamento dell’aliquota minima.

A Noicattaro, la Tari cala dal 50% al 30% per le superfici produttive promiscue mentre per gli indigenti e disabili è stata stabilita l’esenzione totale e – per tutti – un calo netto di oltre il 3% grazie all’operato della Giunta di Raimondo Innamorato.

A Ginosa, per il secondo anno consecutivo l’operato del Sindaco Vito Parisi ha portato un calo dal 6% al 10% della Tari.

A Canosa, il Sindaco Roberto Morra ha abbassato la tariffa rifiuti per le utenze non domestiche.

Pur di metterci in cattiva luce, invece, a Polignano si preferisce guardare all’unico Comune pugliese a guida M5S da meno di un anno, dove il Movimento 5 Stelle Santeramo ha trovato un buco di bilancio da 1 milione di euro! Qui, l’Amministrazione a 5 Stelle ha radicalmente cambiato la gestione di raccolta dei rifiuti passando dai cassonetti per strada alla porta a porta. Ciò porterà il Comune ad innalzare il livello di differenziata e a pagare meno di Ecotassa regionale: pertanto, già dal 2019, i cittadini pagheranno meno Tari (concetti già ampiamente illustrati dallo stesso deputato Giuseppe L’Abbate, nell’intervista rilasciatale settimana scorsa).

A Polignano a Mare, invece, dove amministra Domenico Vitto dal 2012, la Tari non ha fatto altro che aumentare. Nessun premio per i cittadini virtuosi, nessuno sconto in bolletta, solo un aumento continuo della tariffa. Tutte le sue promesse elettorali sono rimaste tali dopo addirittura due votazioni! Sono anni che glielo ripetiamo che l’appalto, così come è stato costruito, non va bene. Ma niente, non ascoltano. Finalmente, invece, anche dal centrodestra che questo bando lo elaborò e lo approvò si sono destati e si sono resi conto che porta solo “mazzate” sulla tassa rifiuti. Meglio tardi che mai!


Maria La Ghezza
Consigliere Comunale Polignano a Mare


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

3 giugno 2018


Laricchia (M5S) sollecita ARCA per le case popolari



Un’altra situazione critica di uno stabile ex IACP, in via Madonna D'Altomare S/4, Madonna D'Altomare S/3 pal.6, Luigi Sturzo nr.9, arriva sul tavolo dell’ARCA Puglia (Agenzia Regionale per la Casa e per l’Ambiente) grazie alla segnalazione della consigliera regionale Antonella Laricchia (M5S).

Infissi e corrimano corrosi, calcinacci caduti da balconi e cornicioni, infiltrazioni di umidità: una situazione più volte segnalata dall’amministratore di condominio che, però, pare non aver avuto seguito. La nostra consigliera regionale Laricchiaspiega Maria La Ghezza (M5S)ancora una volta, dietro nostra proposta, ha chiesto all’ARCA Puglia di intervenire tempestivamente per gli opportuni lavori di manutenzione necessari al fine di rendere i locali sicuri e salubri per gli inquilini. Restiamo in attesa di ricevere riscontri”.



Read More

2 giugno 2018


I 100 anni delle Mamme di San Vito a Sao Paulo (Brasil)



Cari Amici,

eroi della tradizione centenaria della Festa in onore di San Vito Martire qui a San Paolo.
Il nostro più grande dispiacere è quello di non essere qui presenti fisicamente per potervi guardare negli occhi, parlarvi direttamente e abbracciarvi per portarvi – nel nostro piccolo – l’affetto e il ringraziamento dei polignanesi per la splendida opera di beneficenza, devozione, gastronomia e celebrazione delle origini che portate avanti con passione, dedizione e sacrifici da ben 100 anni.
Ciò che ci ha costretti a rinunciare, con sommo nostro dispiacere, ad essere presenti oggi fisicamente è l’attuale scenario politico di queste settimane a cui, molto probabilmente, starete assistendo oltreoceano. L’instabilità venutasi a creare post elezioni del 4 marzo scorso ci relega nei palazzi romani, non concedendoci quel che per noi sarebbe stato un onore: presenziare a questa straordinaria giornata.
Siamo, però, presenti con l’animo e il cuore di chi a 10.000 km di distanza vi ammira e ripone in voi tutta la propria stima. Quello che si celebra qui oggi è un risultato eccezionale che, però, non deve essere vissuto come un traguardo ma come un’ulteriore ripartenza verso il futuro. La vostra instancabile opera di beneficenza rende ai nostri occhi magico il vostro sacrificio, la vostra passione e la vostra dedizione nonché unica ed eccezionale la “creche” che, ogni anno, nel segno di San Vito Martire e nello spirito degli emigranti polignanesi accudisce e sostiene tantissimi bambini a San Paolo.
Un successo che si ripete, anno dopo anno, e che fonda le proprie radici nelle vostre abili e preziose mani in grado di conservare, perpetrare e onorare un’arte culinaria pugliese che, mentre da noi è mutuata nei decenni, qui conserva tutta la sua originalità e le sue peculiarità di un tempo: ficazze, ficazzelle, gnimirelle, ricchitelle, pezza dolce, piccicatelle. Pietanze che, con i loro sapori, custodiscono i ricordi di una terra lontana ma che – da oggi – vogliamo che non sia più tale.
Il nostro impegno in quanto rappresentanti della nostra comune terra – Polignano a Mare – è quello di far sì che le distanze si annullino. Le moderne tecnologie lo permettono: quel che serve è lo spirito di volontà e da parte nostra ce la metteremo tutta affinché tra la comunità polignanese in San Paolo e in Brasile e la nostra terra possano nascere, crescere ed evolversi sinergie e collaborazioni future che rendano lustro al vostro centennale operato e facciamo scoprire a tutta la Puglia (e non solo) ciò che sono in grado di realizzare i suoi fieri figli.

Vi abbracciamo tutti!

Permetteteci di ringraziare sentitamente le Autorità locali – dal Consolato Italiano a San Paolo e, in primis il Console Michele Pala all’Istituto di Cultura Italiana – con cui in queste settimane ci siamo interfacciati e la cui splendida disponibilità ci ha permesso di pianificare al meglio la nostra visita qui a San Paolo ma che purtroppo – come detto in precedenza – ha dovuto fare i conti con l’incertezza dell’attuale scenario politico italiano.

Ringraziamo chi ci ha permesso di potervi parlare nella vostra lingua, traducendo in portoghese questa lettera nell’auspicio di non averle reso troppo difficoltoso il compito e che l’interezza dei nostri sentimenti possa avervi raggiunto.

Permetteteci di ringraziare, infine, chi ha fatto sì che venissimo a conoscenza della straordinaria e fenomenale comunità polignanese qui a San Paolo: ovvero il regista Gianni Torres. Eravamo ragazzini quando abbiamo ammirato la tenacia, la forza e l’amore sprigionato dalle “Mamme di San Vito” e ci siamo sempre chiesti perché i nostri due mondi non si fossero parlati se non in rare occasioni.

Da domani vogliamo che queste domande rimangano solamente un lontano ricordo e che si instauri un dialogo perpetuo tra le due comunità, figlie della stessa terra.

A presto!

Viva San Vito Martire, viva San Paolo, viva Polignano!


Giuseppe L’Abbate
Emanuele Scagliusi
Deputati della Repubblica Italiana Movimento 5 Stelle
Read More

1 giugno 2018


Sostegno ai commercianti per gli adempimenti Gas Radon



La Regione deve supportare economicamente i piccoli imprenditori che devono ottemperare agli obblighi previsti dalla nuova normativa regionale per la riduzione delle esposizioni alla radioattività naturale derivante dal gas ‘radon’ in ambiente chiuso. Si tratta di una legge importante per la tutela della salute ma che comporta ingenti spese per gli esercenti che, proprio per questo, non possono essere lasciati soli”. Il Movimento 5 Stelle in Puglia, pertanto, si impegna a presentare un emendamento in tal senso in sede di assestamento di bilancio previsto per luglio prossimo.
La legge regionale prevede che, se all’esito delle misurazioni il livello di concentrazione di radon dovesse risultare superiore al limite fissato, il proprietario dell’immobile debba presentare al proprio Comune, entro e non oltre 60 giorni, un piano di risanamento. Allo stesso devono essere allegati tutti i contenuti formali e sostanziali per le opere previste, con relativa proposta di cronoprogramma di realizzazione delle stesse, che dovrebbero essere completate entro un anno. Il mancato rispetto dei termini e delle modalità di risanamento dichiarate determina la sospensione della certificazione di agibilità per dettato di legge e, con provvedimento espresso, può essere disposto il conseguente sgombero forzoso dell’immobile.
È importante dunque che gli imprenditori procedano al più presto con le misurazioni, in modo da rispettare la normativa per evitare le alte concentrazioni di gas radon, ma la politica deve creare le condizioni per non far ricadere tutte le spese da affrontare sulle loro spalle. Questo anche in considerazione del periodo storico che stiamo attraversando, in cui tante attività stanno affrontando una crisi economica senza precedenti. La Regione deve anche dare vita ad una campagna informativa adeguata per evitare casi di speculazione sul tema.


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

31 maggio 2018


Caos Tari: a Conversano ok ai rimborsi, a Polignano solo silenzi



Oltre 600.000 euro di costi per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti ribaltati per il 75% sulle tasche dei privati cittadini (la restante parte appena se la sobbarcano le imprese) che si sono tramutati in aumenti in bolletta per le famiglie mentre il servizio non sembra migliorare (anzi). Ma, soprattutto, mentre ancora non si vede l’ombra di un centesimo di euro di rimborso dopo l’errore perpetrato per ben 4 anni di fila dall’Amministrazione Vitto nel calcolo della quota variabile della Tassa Rifiuti. La vicenda – come avranno compreso anche i muri di Polignano tranne qualche esponente a Palazzo di Città – venuta a galla grazie all’interrogazione parlamentare del portavoce Giuseppe L’Abbate (M5S) e portò al chiarimento del Ministero dell’Economia e delle Finanze: per il calcolo della TARI, la parte variabile va calcolata una sola volta considerando l’intera superficie dell’utenza domestica composta sia dalla casa vera e propria sia dalle pertinenze situate nel medesimo Comune.
A Conversano, dove vi furono anche seguitissime proteste di piazza nel 2014 capitanate da un comitato spontaneo e dal locale Movimento 5 Stelle, oggi invece i rimborsi iniziano ad essere effettuati. La Commissaria prefettizia alla guida del Comune che andrà ad elezioni il prossimo 10 giugno, infatti, ha accolto le richieste dei primi contribuenti che dopo aver contestato l’errata applicazione della tassa rifiuti, hanno ottenuto i primi rimborsi.
Anche qui i cittadini devono ovviamente presentare la necessaria documentazione all’Ufficio Tributi per venire riconosciute le somme versate in più negli anni passati ma, al contrario del Comune di Polignano, le richieste vengono accolte! Non si comprende cosa dovrebbe impedire all’Amministrazione Vitto a provvedere in egual modo: che differenze ci sono tra Conversano e Polignano? Perché lì hanno ammesso l’errore, correggendosi già nel 2015, e ora procedono a ridare il maltolto ai contribuenti e qui da noi si continua a far orecchie da mercante, costringendo i cittadini a rivolgersi alla Commissione Tributaria e, quindi, puntando a dissuaderli con i relativi costi giudiziari? Il Sindaco Vitto, che ricopre persino la carica di Sindaco dei Sindaci di Puglia, non si vergogna di come vengono trattati i suoi concittadini nel Comune che guida? Nonostante stiamo attendendo ancora risposta all’interrogazione presentata lo scorso 6 dicembre, abbiamo presentato una nuova interrogazione per sollecitare questa Amministrazione che appare dormiente nonché totalmente disinteressata agli interessi dei cittadini di Polignano!


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

30 maggio 2018


Rubrica "Degrado Urbano": ancora un segnale ballerino



Dopo il segnale ballerino che teneva svegli la notte i residenti di via Don Tonino Bello, angolo via Giovanni XXIII, sistemato grazie all’intervento della consigliera comunale Maria La Ghezza (M5S), ci giunge una nuova segnalazione. Questa volta, ad essere interessato è all’incrocio tra via Tritone e via Cardinale Ciasca dove il cartello di divieto di sosta e fermata è malmesso. Molto probabilmente a causa di qualche grosso autoveicolo che lo ha schiacciato verso il muro perimetrale di una casa, il segnale è ora ballerino, rischia di staccarsi a breve e fa rumore quando c’è vento come ci dicono alcuni polignanesi residenti nei pressi. Abbiamo informato la consigliera La Ghezza della situazione che interesserà l’assessore Pepe e il comando di Polizia Municipale affinché si addivenga presto ad una soluzione come nel caso dell’omologo segnale ballerino di via Don Tonino Bello.

Ricordiamo come basterebbe segnalare attraverso un’app gratuita, denominata “Decoro Urbano”, tutte quelle situazioni di degrado nel paese per cui è richiesto un pronto intervento delle autorità competenti. Lo chiediamo dal lontano 2012 senza riscontro dall’Amministrazione. E pensare che nel programma della coalizione di centrosinistra del 2012 vi era scritto esplicitamente: “Pronto intervento cittadino – Implementazione di servizi di geolocalizzazione di guasti, bidoni pieni, vandalizzazioni, dissesto stradale, problemi di viabilità per un ‘pronto intervento’ e per il continuo miglioramento della città”.

Sinora, le belle parole sono rimaste lettera morta. Questa maggioranza è stata anche in grado di bocciare la nostra mozione affinché i cittadini potessero avere, in futuro, uno strumento semplice ed efficace per rendere Polignano migliore e più efficiente. Incredibile!

Continuate ad inviarci le vostre segnalazioni.


Leggi anche:
- Decoro Urbano: attiviamo Polignano?
- Per chi ama davvero Polignano ecco il servizio gratuito "Decoro Urbano"
...attendiamo ancora risposta alla nostra richiesta, protocollata nell'ottobre 2012, di adozione della piattaforma decorourbano.org


Il nostro profilo DU: http://www.decorourbano.org/vedi-profilo/?idu=14101


"Se non vedi le cose negative del mondo che ti circonda vivi in un paradiso di idioti" (Jaggi Vasudev).


Inviateci le vostre segnalazioni:
- facebook: MoVimento 5 Stelle Polignano
- email: polignanorevolution@gmail.com


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

27 maggio 2018


L'Istituto Alberghiero in visita a Montecitorio



Due giorni romana per l’Istituto IPSSEOA-IPSS De Lilla di Polignano. L’istituto scolastico, assegnatario del PON “Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola lavoro” ha partecipato a Roma, martedì 22, alla presentazione della manifestazione culturale “Lector in Tavola ediz. 2018”. Il giorno successivo, grazie ai deputati Giuseppe L’Abbate ed Emanuele Scagliusi hanno potuto far visita a Palazzo Montecitorio, sede della Camera dei Deputati.
Dopo il Liceo Sante Simone Morea di Conversano è stato un piacere accompagnare professori e studenti dell’Istituto Alberghiero di Polignano. Viviamo in un periodo storico in cui lo scollamento tra le Istituzioni e i cittadini ha raggiunto, purtroppo, il suo apice. Ed è per questo che è assolutamente necessario ripartire dai ragazzi. La speranza è che sempre più scolaresche vengano a visitare la Camera dei Deputati con l’obiettivo che i ragazzi maturino sempre di più una coscienza civile e seguano con maggiore interesse i lavori dei propri dipendenti, ovvero dei parlamentari italiani. Solo con una maggiore partecipazione dei cittadini alla vita pubblica l’Italia può pensare di cambiare in meglio, di evolversi, di migliorare.


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

26 maggio 2018


Bando Infopoint: figuraccia dell'Amministrazione Vitto



Lo scorso marzo la Regione Puglia, tramite l’agenzia Pugliapromozione, emanava un avviso Pubblico rivolto ai Comuni pugliesi titolari di Uffici Info-Point turistici della Rete Regionale con la finalità di realizzare interventi a sostegno della qualificazione del sistema dell'accoglienza turistica regionale per le annualità 2018 e 2019. Polignano questa volta ha partecipato, ma il progetto risulta però "ammesso con riserva", cioè rientra tra quelle richieste dalle quali "dalla documentazione fotografica presentata non si evince con sufficiente chiarezza la completezza e/o idoneità dell'adeguamento estetico e funzionale dei locali".
Insomma un ennesimo flop per questa Amministrazione. È già discutibile che ad ora esista un solo infopoint presso via Dogali e non ve ne siano affatto dove i turisti arrivano (zone come la stazione o i parcheggi periferici), in assenza anche di qualsiasi tipo di segnaletica turistica, in un paese che fregia di essere tale! Mentre i tanto chiacchierati e costosi cubi marroni non si sa che fine abbiano fatto, dopo i soldi spesi per il restyling. Non è neppure la prima volta che questa Amministrazione perde dei bandi talvolta per inadempienza (indimenticabili i quasi i 500mila euro persi, anzi revocati, per la riqualificazione del porto di San Vito), altre non partecipandovi affatto (circa 1 milione sfumato per la sicurezza scolastica). Confidiamo che si abbia almeno la prontezza di capire, presso gli uffici regionali, se c’è la possibilità di rivedere e integrare le proprie carte in maniera corretta e finanziare il progetto.


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

25 maggio 2018


Il PUM mette in difficoltà l'assistenza domiciliare ASL



Il PUM, il piano urbano della mobilità, zona dopo zona è entrato in vigore sul territorio cittadino di Polignano e dal 1° aprile scorso è divenuto realtà. Se da un lato dovrebbe assicurare il posto auto ai residenti, dall’altro il PUM mette in difficoltà l’assistenza domiciliare integrata prevista dal nostro Distretto Socio Sanitario della ASL Bari per l’osservanza dei singoli piani terapeutici dei pazienti.
Quotidianamente gli operatori, siano essi medici o infermieri, devono necessariamente raggiungere la residenza dei pazienti per effettuare le dovute e previste cure ed i relativi controlli. Ma l’assistenza domiciliare integrata viene resa difficoltosa dalla mancanza di aree di sosta disponibili. Con l’entrata in vigore del PUM a Polignano, infatti, il dispendio di tempo nel ricercare un parcheggio da parte degli operatori è aumentato e rischia di divenire un serio problema con l’arrivo della stagione estiva, essendo gli unici posti liberi solo quelli delimitati dalle strisce blu o gialle. La mancata possibilità di parcheggio rischia di impedire al personale medico ed infermieristico di effettuare il trattamento a domicilio con un oggettivo danno per i pazienti e la collettività. Per questo abbiamo presentato una interrogazione all’Assessore Chiara Pepe per copiare la soluzione alla problematica dai paesi viciniori dove viene concessa la sosta libera nelle zone a pagamento agli operatori impegnati con le proprie autovetture autorizzate regolarmente dalla ASL Bari. Il permesso dovrebbe essere limitato al periodo strettamente necessario per assicurare le prestazioni sanitarie previste per l’Assistenza Domiciliare Integrata durante l’orario di servizio. L’individuazione, poi, potrebbe avvenire tramite l’esposizione visibile di un apposito talloncino identificativo del Comune di Polignano con l’apposizione della targa delle autovetture autorizzate, con disco orario attestante l’ora di arrivo. Ci sembra una soluzione di buon senso che va incontro alle esigenze degli operatori, dei pazienti e degli altri automobilisti polignanesi. Attendiamo fiduciosi riscontro sperando non ci venga detto il solito ‘no’.


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

24 maggio 2018


Intervista al nostro portavoce Giuseppe L'Abbate (M5S)



1) E' fatta, abbiamo un governo. Dove troverete le coperture per i punti del contratto? Si stima un costo di 150 miliardi di €...Durante tutta la campagna elettorale abbiamo ampiamente spiegato dove trovare i soldi per realizzare le riforme che abbiamo inserito nel contratto di Governo. D'altronde ogni giorno sui giornali leggo stime diverse sui costi. Per dirla alla Mark Twain, “la gente di solito usa le statistiche come un ubriaco i lampioni: più per sostegno che per illuminazione”. Ma dando per buona la stima di 150 miliardi di euro, si tratterebbe di manovre di circa 30 miliardi all’anno pienamente in linea con quelle fatte negli ultimi anni.

2) Che ne pensa del caso sul curriculum di Conte? Dalla NYU dicono di non avere il suo nome negli archivi...Nel suo curriculum Giuseppe Conte ha scritto con chiarezza che alla New York University ha perfezionato e aggiornato i suoi studi. Non ha mai citato corsi o master frequentati presso quella università. Quindi la stampa internazionale e quella italiana si stanno scatenando su presunti titoli che Conte non ha mai vantato! Conte, come ogni studioso, ha soggiornato all’estero per studiare, arricchire le sue conoscenze, perfezionare il suo inglese giuridico. Per un professore del suo livello sarebbe stato strano il contrario. Lo ha fatto e lo ha giustamente scritto nel curriculum, ma paradossalmente questo ora non va bene e diventa addirittura una colpa. È l’ennesima conferma che hanno davvero tanta paura di questo governo del cambiamento.

3) Ha sostenuto il metodo stamina. Non è un fatto grave?
È falso, non ha sostenuto il metodo Stamina ma ha fatto gli interessi dei suoi clienti. A confermarlo sono gli stessi genitori della bambina Sofia. Il professor Conte li seguì legalmente nel ricorso per proseguire con le cure a Sofia ma non lo fece perché sostenitore di Stamina, non era il metodo in discussione ma l’aiuto a una bambina malata. Sostenere la tesi di Conte come pro-Stamina è ridicola altrimenti dovremmo dire che anche il giudice di Livorno che accettò ricorso era pro-Stamina.

4) Perché non Di Maio premier visto che era stato indicato alle elezioni?
Luigi Di Maio ha deciso di fare un passo indietro per far fare un passo in avanti all’intero MoVimento. È stato un grande gesto. Il nostro leader rimane il programma, votato online dagli iscritti M5S.

5) Lei riceverà qualche incarico di governo?
Non mi interessano gli incarichi e le questioni personali. Porto avanti le idee del MoVimento che sono le mie idee sempre.

6) Parliamo delle questioni locali. Come mai a Santeramo avete aumentato la Tari?
A Santeramo il MoVimento è alla guida della città da meno di un anno e appena insediatosi ha dovuto risolvere i problemi di bilancio, dato che c’era un disavanzo di oltre 1 milione di euro, e quelli della gestione dei rifiuti. L’Amministrazione 5 Stelle ha cambiato radicalmente la gestione di raccolta dei rifiuti passando dalla raccolta stradale a quella porta a porta. Nel primo anno a gravare maggiormente sono stati i costi di avvio del servizio ma, grazie alla natura del nuovo servizio che permetterà di superare subito il 50% di raccolta differenziata, diminuiranno anche i costi per l’Ecotassa e i costi di conferimento dei rifiuti indifferenziati in discarica generando una graduale riduzione della tariffa in bolletta che, già a partire dal 2019, dovrebbe tornare ai livelli degli anni precedenti ma con un servizio di raccolta rifiuti e igiene urbana più efficace ed efficiente. Invece, nelle città di Ginosa, Noicattaro, Canosa e Mottola, sempre amministrate dal M5S, la Tari è stata ridotta.

7) E' accaduta la stessa cosa di Polignano?
Assolutamente no. A Polignano l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti ha presentato un piano finanziario in cui ha chiesto ben 300.000 euro in più rispetto a quanto già percepiva. L’Amministrazione Vitto ha votato favorevolmente quel piano ed ecco che i polignanesi hanno visto lievitare le loro bollette.

8) Cosa si poteva fare per evitare l'aumento Tari a Polignano?
Vitto dovrebbe saperlo cosa fare dato che dal 2012 promette ai polignanesi di introdurre premi per i cittadini più virtuosi. O forse ha solo preso in giro tutti i polignanesi?

9) L'assessore La Volpe sostiene che alle vostre proposte non vi fossero coperture economiche. Solo demagogia?No, solo bugie. L’Assessore La Volpe ed il Sindaco Vitto si stanno distinguendo in negativo per la capacità di mentire in merito alla questione Tari. D’altronde i conti sono presto fatti: 300.000 euro in più che ha chiesto la Tecknoservice si sono tramutati in aumenti in bolletta per i polignanesi grazie all’approvazione dell’Amministrazione Vitto. Se poi l’Assessore ed il Sindaco sostengono tesi diverse, ho già detto che sono disponibile ad un confronto pubblico carte alla mano per far vedere ai polignanesi dov’è la verità e dov’è la menzogna. Mi faccia sapere, Direttore, se Lor signori accettano la sfida.

10) Il Pum sarà migliorativo per la viabilità?
Come dicemmo nel febbraio 2016, questo PUM ci sembra poco attento ai bisogni dei polignanesi. Le misure da intraprendere dovrebbero preliminarmente individuare il soggetto finale – il residente di Polignano – con le sue necessità che il Piano deve invece cercare di soddisfare per migliorare la sua qualità di vita. Dopo la consultazione con esperti del settore, presentammo una serie di osservazioni all’Amministrazione ma, come sempre, siamo stati ignorati. Adesso vedremo quello che accadrà.


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More