31 maggio 2018


Caos Tari: a Conversano ok ai rimborsi, a Polignano solo silenzi



Oltre 600.000 euro di costi per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti ribaltati per il 75% sulle tasche dei privati cittadini (la restante parte appena se la sobbarcano le imprese) che si sono tramutati in aumenti in bolletta per le famiglie mentre il servizio non sembra migliorare (anzi). Ma, soprattutto, mentre ancora non si vede l’ombra di un centesimo di euro di rimborso dopo l’errore perpetrato per ben 4 anni di fila dall’Amministrazione Vitto nel calcolo della quota variabile della Tassa Rifiuti. La vicenda – come avranno compreso anche i muri di Polignano tranne qualche esponente a Palazzo di Città – venuta a galla grazie all’interrogazione parlamentare del portavoce Giuseppe L’Abbate (M5S) e portò al chiarimento del Ministero dell’Economia e delle Finanze: per il calcolo della TARI, la parte variabile va calcolata una sola volta considerando l’intera superficie dell’utenza domestica composta sia dalla casa vera e propria sia dalle pertinenze situate nel medesimo Comune.
A Conversano, dove vi furono anche seguitissime proteste di piazza nel 2014 capitanate da un comitato spontaneo e dal locale Movimento 5 Stelle, oggi invece i rimborsi iniziano ad essere effettuati. La Commissaria prefettizia alla guida del Comune che andrà ad elezioni il prossimo 10 giugno, infatti, ha accolto le richieste dei primi contribuenti che dopo aver contestato l’errata applicazione della tassa rifiuti, hanno ottenuto i primi rimborsi.
Anche qui i cittadini devono ovviamente presentare la necessaria documentazione all’Ufficio Tributi per venire riconosciute le somme versate in più negli anni passati ma, al contrario del Comune di Polignano, le richieste vengono accolte! Non si comprende cosa dovrebbe impedire all’Amministrazione Vitto a provvedere in egual modo: che differenze ci sono tra Conversano e Polignano? Perché lì hanno ammesso l’errore, correggendosi già nel 2015, e ora procedono a ridare il maltolto ai contribuenti e qui da noi si continua a far orecchie da mercante, costringendo i cittadini a rivolgersi alla Commissione Tributaria e, quindi, puntando a dissuaderli con i relativi costi giudiziari? Il Sindaco Vitto, che ricopre persino la carica di Sindaco dei Sindaci di Puglia, non si vergogna di come vengono trattati i suoi concittadini nel Comune che guida? Nonostante stiamo attendendo ancora risposta all’interrogazione presentata lo scorso 6 dicembre, abbiamo presentato una nuova interrogazione per sollecitare questa Amministrazione che appare dormiente nonché totalmente disinteressata agli interessi dei cittadini di Polignano!

VDP - 01.06.2018

BLU - 02.06.2018

FAX - 02.06.2018



Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

30 maggio 2018


Rubrica "Degrado Urbano": ancora un segnale ballerino



Dopo il segnale ballerino che teneva svegli la notte i residenti di via Don Tonino Bello, angolo via Giovanni XXIII, sistemato grazie all’intervento della consigliera comunale Maria La Ghezza (M5S), ci giunge una nuova segnalazione. Questa volta, ad essere interessato è all’incrocio tra via Tritone e via Cardinale Ciasca dove il cartello di divieto di sosta e fermata è malmesso. Molto probabilmente a causa di qualche grosso autoveicolo che lo ha schiacciato verso il muro perimetrale di una casa, il segnale è ora ballerino, rischia di staccarsi a breve e fa rumore quando c’è vento come ci dicono alcuni polignanesi residenti nei pressi. Abbiamo informato la consigliera La Ghezza della situazione che interesserà l’assessore Pepe e il comando di Polizia Municipale affinché si addivenga presto ad una soluzione come nel caso dell’omologo segnale ballerino di via Don Tonino Bello.

Ricordiamo come basterebbe segnalare attraverso un’app gratuita, denominata “Decoro Urbano”, tutte quelle situazioni di degrado nel paese per cui è richiesto un pronto intervento delle autorità competenti. Lo chiediamo dal lontano 2012 senza riscontro dall’Amministrazione. E pensare che nel programma della coalizione di centrosinistra del 2012 vi era scritto esplicitamente: “Pronto intervento cittadino – Implementazione di servizi di geolocalizzazione di guasti, bidoni pieni, vandalizzazioni, dissesto stradale, problemi di viabilità per un ‘pronto intervento’ e per il continuo miglioramento della città”.

Sinora, le belle parole sono rimaste lettera morta. Questa maggioranza è stata anche in grado di bocciare la nostra mozione affinché i cittadini potessero avere, in futuro, uno strumento semplice ed efficace per rendere Polignano migliore e più efficiente. Incredibile!

Continuate ad inviarci le vostre segnalazioni.

VDP - 01.06.2018



Leggi anche:
- Decoro Urbano: attiviamo Polignano?
- Per chi ama davvero Polignano ecco il servizio gratuito "Decoro Urbano"
...attendiamo ancora risposta alla nostra richiesta, protocollata nell'ottobre 2012, di adozione della piattaforma decorourbano.org


Il nostro profilo DU: http://www.decorourbano.org/vedi-profilo/?idu=14101


"Se non vedi le cose negative del mondo che ti circonda vivi in un paradiso di idioti" (Jaggi Vasudev).


Inviateci le vostre segnalazioni:
- facebook: MoVimento 5 Stelle Polignano
- email: polignanorevolution@gmail.com


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

27 maggio 2018


L'Istituto Alberghiero in visita a Montecitorio



Due giorni romana per l’Istituto IPSSEOA-IPSS De Lilla di Polignano. L’istituto scolastico, assegnatario del PON “Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola lavoro” ha partecipato a Roma, martedì 22, alla presentazione della manifestazione culturale “Lector in Tavola ediz. 2018”. Il giorno successivo, grazie ai deputati Giuseppe L’Abbate ed Emanuele Scagliusi hanno potuto far visita a Palazzo Montecitorio, sede della Camera dei Deputati.
Dopo il Liceo Sante Simone Morea di Conversano è stato un piacere accompagnare professori e studenti dell’Istituto Alberghiero di Polignano. Viviamo in un periodo storico in cui lo scollamento tra le Istituzioni e i cittadini ha raggiunto, purtroppo, il suo apice. Ed è per questo che è assolutamente necessario ripartire dai ragazzi. La speranza è che sempre più scolaresche vengano a visitare la Camera dei Deputati con l’obiettivo che i ragazzi maturino sempre di più una coscienza civile e seguano con maggiore interesse i lavori dei propri dipendenti, ovvero dei parlamentari italiani. Solo con una maggiore partecipazione dei cittadini alla vita pubblica l’Italia può pensare di cambiare in meglio, di evolversi, di migliorare.

BLU - 25.05.2018

VDP - 01.06.2018



Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

26 maggio 2018


Bando Infopoint: figuraccia dell'Amministrazione Vitto



Lo scorso marzo la Regione Puglia, tramite l’agenzia Pugliapromozione, emanava un avviso Pubblico rivolto ai Comuni pugliesi titolari di Uffici Info-Point turistici della Rete Regionale con la finalità di realizzare interventi a sostegno della qualificazione del sistema dell'accoglienza turistica regionale per le annualità 2018 e 2019. Polignano questa volta ha partecipato, ma il progetto risulta però "ammesso con riserva", cioè rientra tra quelle richieste dalle quali "dalla documentazione fotografica presentata non si evince con sufficiente chiarezza la completezza e/o idoneità dell'adeguamento estetico e funzionale dei locali".
Insomma un ennesimo flop per questa Amministrazione. È già discutibile che ad ora esista un solo infopoint presso via Dogali e non ve ne siano affatto dove i turisti arrivano (zone come la stazione o i parcheggi periferici), in assenza anche di qualsiasi tipo di segnaletica turistica, in un paese che fregia di essere tale! Mentre i tanto chiacchierati e costosi cubi marroni non si sa che fine abbiano fatto, dopo i soldi spesi per il restyling. Non è neppure la prima volta che questa Amministrazione perde dei bandi talvolta per inadempienza (indimenticabili i quasi i 500mila euro persi, anzi revocati, per la riqualificazione del porto di San Vito), altre non partecipandovi affatto (circa 1 milione sfumato per la sicurezza scolastica). Confidiamo che si abbia almeno la prontezza di capire, presso gli uffici regionali, se c’è la possibilità di rivedere e integrare le proprie carte in maniera corretta e finanziare il progetto.

BLU - 25.05.2018

VDP - 25.05.2018


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

25 maggio 2018


Il PUM mette in difficoltà l'assistenza domiciliare ASL



Il PUM, il piano urbano della mobilità, zona dopo zona è entrato in vigore sul territorio cittadino di Polignano e dal 1° aprile scorso è divenuto realtà. Se da un lato dovrebbe assicurare il posto auto ai residenti, dall’altro il PUM mette in difficoltà l’assistenza domiciliare integrata prevista dal nostro Distretto Socio Sanitario della ASL Bari per l’osservanza dei singoli piani terapeutici dei pazienti.
Quotidianamente gli operatori, siano essi medici o infermieri, devono necessariamente raggiungere la residenza dei pazienti per effettuare le dovute e previste cure ed i relativi controlli. Ma l’assistenza domiciliare integrata viene resa difficoltosa dalla mancanza di aree di sosta disponibili. Con l’entrata in vigore del PUM a Polignano, infatti, il dispendio di tempo nel ricercare un parcheggio da parte degli operatori è aumentato e rischia di divenire un serio problema con l’arrivo della stagione estiva, essendo gli unici posti liberi solo quelli delimitati dalle strisce blu o gialle. La mancata possibilità di parcheggio rischia di impedire al personale medico ed infermieristico di effettuare il trattamento a domicilio con un oggettivo danno per i pazienti e la collettività. Per questo abbiamo presentato una interrogazione all’Assessore Chiara Pepe per copiare la soluzione alla problematica dai paesi viciniori dove viene concessa la sosta libera nelle zone a pagamento agli operatori impegnati con le proprie autovetture autorizzate regolarmente dalla ASL Bari. Il permesso dovrebbe essere limitato al periodo strettamente necessario per assicurare le prestazioni sanitarie previste per l’Assistenza Domiciliare Integrata durante l’orario di servizio. L’individuazione, poi, potrebbe avvenire tramite l’esposizione visibile di un apposito talloncino identificativo del Comune di Polignano con l’apposizione della targa delle autovetture autorizzate, con disco orario attestante l’ora di arrivo. Ci sembra una soluzione di buon senso che va incontro alle esigenze degli operatori, dei pazienti e degli altri automobilisti polignanesi. Attendiamo fiduciosi riscontro sperando non ci venga detto il solito ‘no’.

BLU - 25.05.2018

VDP - 25.05.2018


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

24 maggio 2018


Intervista al nostro portavoce Giuseppe L'Abbate (M5S)



1) E' fatta, abbiamo un governo. Dove troverete le coperture per i punti del contratto? Si stima un costo di 150 miliardi di €...Durante tutta la campagna elettorale abbiamo ampiamente spiegato dove trovare i soldi per realizzare le riforme che abbiamo inserito nel contratto di Governo. D'altronde ogni giorno sui giornali leggo stime diverse sui costi. Per dirla alla Mark Twain, “la gente di solito usa le statistiche come un ubriaco i lampioni: più per sostegno che per illuminazione”. Ma dando per buona la stima di 150 miliardi di euro, si tratterebbe di manovre di circa 30 miliardi all’anno pienamente in linea con quelle fatte negli ultimi anni.

2) Che ne pensa del caso sul curriculum di Conte? Dalla NYU dicono di non avere il suo nome negli archivi...Nel suo curriculum Giuseppe Conte ha scritto con chiarezza che alla New York University ha perfezionato e aggiornato i suoi studi. Non ha mai citato corsi o master frequentati presso quella università. Quindi la stampa internazionale e quella italiana si stanno scatenando su presunti titoli che Conte non ha mai vantato! Conte, come ogni studioso, ha soggiornato all’estero per studiare, arricchire le sue conoscenze, perfezionare il suo inglese giuridico. Per un professore del suo livello sarebbe stato strano il contrario. Lo ha fatto e lo ha giustamente scritto nel curriculum, ma paradossalmente questo ora non va bene e diventa addirittura una colpa. È l’ennesima conferma che hanno davvero tanta paura di questo governo del cambiamento.

3) Ha sostenuto il metodo stamina. Non è un fatto grave?
È falso, non ha sostenuto il metodo Stamina ma ha fatto gli interessi dei suoi clienti. A confermarlo sono gli stessi genitori della bambina Sofia. Il professor Conte li seguì legalmente nel ricorso per proseguire con le cure a Sofia ma non lo fece perché sostenitore di Stamina, non era il metodo in discussione ma l’aiuto a una bambina malata. Sostenere la tesi di Conte come pro-Stamina è ridicola altrimenti dovremmo dire che anche il giudice di Livorno che accettò ricorso era pro-Stamina.

4) Perché non Di Maio premier visto che era stato indicato alle elezioni?
Luigi Di Maio ha deciso di fare un passo indietro per far fare un passo in avanti all’intero MoVimento. È stato un grande gesto. Il nostro leader rimane il programma, votato online dagli iscritti M5S.

5) Lei riceverà qualche incarico di governo?
Non mi interessano gli incarichi e le questioni personali. Porto avanti le idee del MoVimento che sono le mie idee sempre.

6) Parliamo delle questioni locali. Come mai a Santeramo avete aumentato la Tari?
A Santeramo il MoVimento è alla guida della città da meno di un anno e appena insediatosi ha dovuto risolvere i problemi di bilancio, dato che c’era un disavanzo di oltre 1 milione di euro, e quelli della gestione dei rifiuti. L’Amministrazione 5 Stelle ha cambiato radicalmente la gestione di raccolta dei rifiuti passando dalla raccolta stradale a quella porta a porta. Nel primo anno a gravare maggiormente sono stati i costi di avvio del servizio ma, grazie alla natura del nuovo servizio che permetterà di superare subito il 50% di raccolta differenziata, diminuiranno anche i costi per l’Ecotassa e i costi di conferimento dei rifiuti indifferenziati in discarica generando una graduale riduzione della tariffa in bolletta che, già a partire dal 2019, dovrebbe tornare ai livelli degli anni precedenti ma con un servizio di raccolta rifiuti e igiene urbana più efficace ed efficiente. Invece, nelle città di Ginosa, Noicattaro, Canosa e Mottola, sempre amministrate dal M5S, la Tari è stata ridotta.

7) E' accaduta la stessa cosa di Polignano?
Assolutamente no. A Polignano l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti ha presentato un piano finanziario in cui ha chiesto ben 300.000 euro in più rispetto a quanto già percepiva. L’Amministrazione Vitto ha votato favorevolmente quel piano ed ecco che i polignanesi hanno visto lievitare le loro bollette.

8) Cosa si poteva fare per evitare l'aumento Tari a Polignano?
Vitto dovrebbe saperlo cosa fare dato che dal 2012 promette ai polignanesi di introdurre premi per i cittadini più virtuosi. O forse ha solo preso in giro tutti i polignanesi?

9) L'assessore La Volpe sostiene che alle vostre proposte non vi fossero coperture economiche. Solo demagogia?No, solo bugie. L’Assessore La Volpe ed il Sindaco Vitto si stanno distinguendo in negativo per la capacità di mentire in merito alla questione Tari. D’altronde i conti sono presto fatti: 300.000 euro in più che ha chiesto la Tecknoservice si sono tramutati in aumenti in bolletta per i polignanesi grazie all’approvazione dell’Amministrazione Vitto. Se poi l’Assessore ed il Sindaco sostengono tesi diverse, ho già detto che sono disponibile ad un confronto pubblico carte alla mano per far vedere ai polignanesi dov’è la verità e dov’è la menzogna. Mi faccia sapere, Direttore, se Lor signori accettano la sfida.

10) Il Pum sarà migliorativo per la viabilità?
Come dicemmo nel febbraio 2016, questo PUM ci sembra poco attento ai bisogni dei polignanesi. Le misure da intraprendere dovrebbero preliminarmente individuare il soggetto finale – il residente di Polignano – con le sue necessità che il Piano deve invece cercare di soddisfare per migliorare la sua qualità di vita. Dopo la consultazione con esperti del settore, presentammo una serie di osservazioni all’Amministrazione ma, come sempre, siamo stati ignorati. Adesso vedremo quello che accadrà.


VDP - 25.05.2018



Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

23 maggio 2018


Caos Tari: la nostra replica all'assessore La Volpe



In queste settimane sono giunte le bollette con la tassa dei rifiuti nelle case dei polignanesi e la questione TARI continua a tenere banco. Alle dichiarazioni dell’Assessore al Bilancio della Giunta Vitto, Francesco La Volpe, non possiamo non replicare.
L’Assessore riferisce numerose inesattezze Innanzitutto la scelta di sottoscrivere il contratto d’appalto con la Teknoservice è proprio dell’Amministrazione Vitto. Nel 2012, infatti, dopo aver aspramente criticato la Giunta Bovino per la redazione del bando per la raccolta dei rifiuti, una volta insediatisi, vi hanno dato seguito. Allora, come forza politica di opposizione extraconsigliare, abbiamo protocollato un parere legale con cui gli veniva illustrato che si era ancora in tempo per un ritiro in autotutela poiché non sarebbe stato vantaggioso per i cittadini il sistema proposto. Non ci hanno ascoltato, forse per la solita avversione incontrollata verso i 5 Stelle che li acceca e questi di oggi sono i risultati: ahinoi, ancora una volta avevamo ragione!
Quel che era ed è tuttora necessario fare è introdurre la tariffazione puntuale: i cittadini virtuosi devono essere premiati, altrimenti il livello di differenziata diminuirà causando un ulteriore aumento in bolletta dovuto all’ecotassa regionale. L’Assessore La Volpe giustifica il loro aumento della Tari con i costi della pulizia delle spiagge. Ma quali spiagge? Dove sono gli accessi al mare? Qual è il problema che impedisce di tirar fuori dal cassetto il Piano Coste? Sono mesi che attendiamo una risposta alla nostra interrogazione!
L’altra giustificazione degli aumenti in bolletta è quella della raccolta dei metalli pesanti. Non potevano prevederlo nel 2012? Cosa intendano fare per i disservizi nelle periferie dove non viene rispettato il contratto è un mistero. Le foto inviateci ogni giorno dai cittadini parlano chiaro: perché non contestano all’azienda l’inadempimento o perché non trovano una soluzione? Dicono di avere necessità di recuperare dagli evasori: chi glielo impedisce? O adesso sono troppo impegnati con la tassa di soggiorno? Premesso, poi, che l’aumento c’è stato per tutti, anzi più per le famiglie che per gli imprenditori, ed è pari a 600.000 euro quando l’Assessore riferisce della distribuzione della tassa tra quota fissa e quota variabile, seppur finalmente ammette una loro responsabilità per il passato parlando di ‘adeguamento’, dimentica di ricordare che ciò non influisce minimamente sul costo del servizio che è determinato dal Piano economico finanziario presentato dall’azienda. Per cui invitiamo l’Assessore La Volpe a verificare l'esattezza delle sue affermazioni prima di esprimersi.
Come M5S continuiamo ad invitare lui e il Sindaco Vitto ad un confronto pubblico, carte alla mano, dove e quando vogliono, in base ai loro impegni: sinora continuano a sottrarsi a questa nostra richiesta. Inoltre, ricordiamo all’Assessore che i cittadini attendono riscontro alle richieste di rimborso. Se a seguito di eventuali ricorsi perverrà sentenza di condanna, faremo esposto alla Corte dei Conti per danno erariale. Dove prendere i soldi lo sanno benissimo e ove non lo sapessero (ma non possiamo pensarlo date le referenze dell’Assessore), glielo abbiamo indicato: accantonamenti per eventuali sorprese (pari al 5 per mille annuo come suggerito dal Ministero dell’Economia e Finanza) e/o direttamente dal bilancio come dichiarò durante i lavori della Camera dei Deputati il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, l’On. Sesa Amici. Piuttosto che guardare ai paesi che fanno pagare una tariffa più alta di Polignano, invitiamo la maggioranza di Vitto a guardare quei comuni limitrofi che stanno effettuando i rimborsi. Roba dell’altro mondo!

BLU - 18.05.2018

VDP - 18.05.2018
FAX - 19.05.2018




BLU - 25.05.2018


VDP - 25.05.2018


FAX - 26.05.2018



Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

18 maggio 2018


Laricchia (M5S) scrive all'ARCA per le case popolari



La critica situazione dello stabile ex IACP tra via fratelli Vasti e via Santa Giovanna Berretta Molla arriva sul tavolo dell’ARCA Puglia (Agenzia Regionale per la Casa e per l’Ambiente) grazie alla segnalazione della consigliera regionale Antonella Laricchia (M5S).
La nostra consigliera regionale Laricchia dietro nostra proposta, ha chiesto all’ARCA Puglia di intervenire nonché di conoscere la tempistica necessaria per gli opportuni lavori di manutenzione. Restiamo in attesa di ricevere ulteriori informazioni.

BLU - 18.05.2018

VDP - 18.05.2018



Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

17 maggio 2018


Dov'è l'Ufficio Agricoltura Comunale?



L’attività agricola, nonostante la crescita del settore turistico, rappresenta ancora una voce importante delle attività economiche del nostro comune. Allo stato attuale, tuttavia, tra gli uffici e strutture comunali manca ancora uno sportello agricolo, nonostante sia almeno un decennio che se ne parla nelle campagne elettorali. Alcune funzioni obbligatorie, vengono di volta in volta affidate a personale afferente al Settore IV - Servizi per il pubblico, dove non risultano esserci agronomi, agrotecnici o periti agrari.
Per questo, coerentemente con quanto promesso in campagna elettorale, abbiamo depositato una mozione che impegna l’Amministrazione ad istituire, nel quadro organico delle strutture comunali, un permanente Ufficio Agricoltura che rappresenti un punto di riferimento per gli imprenditori agricoli, coltivatori diretti, o semplici contadini, con dotazione organica idonea allo svolgimento delle funzioni in materia agricola.
Diverse le funzioni che l’Ufficio svolgerebbe, alcune conferite da leggi delega nazionali e regionali, altre individuate in autonomia, in base alle esigenze territoriali. Tra queste funzioni amministrative, ad esempio, quelle conferite dalla legge regionale 27 maggio 2016, n. 9, in “materia di agricoltura” o le funzioni e competenze U.M.A. (libretti del carburante agricolo), trasferite dalla Regione ai Comuni ai sensi della L.R. n. 36/2008 e del DPGR n. 75 del 28/01/2010. Inoltre, la Città Metropolitana di Bari non svolge più alcune funzioni ed il risultato è che, in caso di avversità atmosferiche riconosciute dal Ministero delle Politiche Agricole, l’istruttoria delle domande per le agevolazioni concesse dalla legge dev’essere effettuata direttamente dai Comuni, in forma singola o associata.

Ma ci sono anche altri obiettivi che un decente Ufficio Agricoltura potrebbe raggiungere, come la realtà dei comuni viciniori insegna. Dalle attività promozionali volte a favorire nuove iniziative nei settori dell'agricoltura e dell’agroindustria, comprese le opportunità dei fondi dedicati, ai corsi di aggiornamento professionale, dal rilascio e ritiro dei tesserini venatori ai servizi di apicoltura, dalla tenuta ed aggiornamento dello schedario dei cacciatori residenti al rilascio delle autorizzazioni di raccolta dei funghi epigei spontanei, sino alla divulgazione di informazioni e coordinamento con l’attività dell’ispettorato agricolo regionale su insetti o parassiti da quarantena presenti sul territorio.
A tal proposito, è il caso di ricordare che l’allerta Xylella continua ad avanzare ed è ormai alle porte del sudest barese: una emergenza che rende ancor più impellente ed opportuno che il Comune si doti, finalmente, di personale qualificato che possa gestire un reale Ufficio Agricoltura ed interfacciarsi con gli uffici regionali e nazionali competenti in materia. Del resto, avremo assistito ad almeno 3 campagne elettorali di fila in cui centrosinistra e centrodestra promettono questo servizio agli agricoltori e ai cittadini. Forse è proprio giunto il momento di passare dalle parole ai fatti!


BLU - 18.05.2018

VDP - 18.05.2018


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

16 maggio 2018


Regolamentare l'accesso degli animali da compagnia sulle spiagge pugliesi



Andare incontro alle esigenze di tutela dei legittimi interessi sia dei possessori di cani e gatti sia di coloro che, invece, desiderano trascorrere le vacanze o il proprio tempo libero senza condividere con il proprio animale la permanenza in spiaggia favorendo anche la corretta gestione ambientale del territorio, nel rispetto della necessità di tutela igienico-sanitaria della popolazione. L’intento della proposta di legge “Norme per l’accesso alle spiagge degli animali da affezione” a prima firma Bozzetti (M5S) è quello di regolamentare l’accesso degli animali da compagnia dei bagnanti ad aree “riservate” sulle spiagge libere o in spiagge oggetto di concessione, i cui gestori vorranno realizzare un’area attrezzata. Si potrà ottenere così, anche in Puglia, un sempre più corretto e civile rapporto tra uomo e animale domestico, tutelando la salute pubblica e l’ambiente, promuovendo la protezione degli animali e l’educazione al loro rispetto.
Una proposta inserita anche nel nostro programma elettorale per le Amministrative 2017 nel capitolo Ospitalità, con l’obiettivo di garantire l’accesso al mare per tutti con una particolare attenzione alle persone con disabilità o possessori di animali. In questa proposta di legge regionale sono previsti specifici spazi per il ristoro, l’abbeveraggio ed il gioco degli animali da affezione, dove gli amici a 4 zampe potranno liberamente muoversi, correre e giocare, senza guinzaglio e museruola purché siano sempre sotto la sorveglianza del conduttore. Una direzione che mira alla serena convivenza di tutti e ad attirare un target di turisti molto ampio, con le sue esigenze. Stando ad una indagine Eurispes, infatti, addirittura il 43,3% degli italiani possiede un animale domestico. Ciò, ovviamente, mentre il piano coste tanto atteso giace da due anni nei cassetti dell’Amministrazione Vitto, bloccato da chissà cosa o chissà chi...

BLU - 18.05.2018

VDP - 18.05.2018



Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

15 maggio 2018


Mozione 5 Stelle per abbattere le barriere architettoniche




Sono passati oltre 7 mesi da quando, il 18 ottobre scorso, la nostra consigliera comunale Maria La Ghezza ha presentato una mozione per l’adozione del PEBA (Piano per l’eliminazione delle Barriere Architettoniche), sottoscritta anche dai consiglieri d’opposizione di Forza Italia e Forza Polignano. Nonostante siano trascorsi 30 anni dalla legge 41/1986 che prevedeva che i Comuni avrebbero dovuto adottare i PEBA entro il 28 febbraio 1987, Polignano infatti risulta tuttora inadempiente. E nonostante le pressioni delle forze politiche di minoranza, le intenzioni dell’Amministrazione Vitto non sembrano essere cambiate.
La mancata eliminazione delle barriere architettoniche mostra scarsa attenzione alle esigenze dei cittadini che hanno una maggiore necessità di tutela. Eppure gli articoli 2 e 3 della Costituzione Italiana parlano chiaro come allo stesso modo, del resto, si esprime l’art. 1 comma 2 dello Statuto del Comune di Polignano che prevede la ‘piena attuazione dei principi di uguaglianza e di pari dignità sociale dei cittadini’. Con la nostra mozione impegniamo l’Amministrazione Vitto all’adozione del PEBA e, comunque, di ogni iniziativa utile all’eliminazione delle barriere architettoniche tanto negli edifici pubblici, quanto in quelli aperti al pubblico o di carattere sociale. Nonché impegniamo l’Amministrazione ad informare il consiglio comunale degli sviluppi. Anche la stessa consigliera di maggioranza Lucia Brescia si è dimostrata favorevole, almeno nelle sue dichiarazioni affermando che si tratta di ‘una scelta di civiltà’. Mi chiedo, pertanto, cosa stia aspettando il Presidente del Consiglio Franco De Donato per calendarizzare la mia mozione: il Consiglio potrebbe finalmente prende una decisione chiara e netta per contrastare le barriere architettoniche, che rendono un inferno la vita di quei cittadini che hanno una maggiore necessità di tutela. Mi sembrerebbe davvero strano che qualcuno, passando dalle parole ai fatti, possa tirarsi indietro se l’obiettivo è quello di addivenire ad una conclusione positiva per tutti i polignanesi.

Qui la mozione


BLU - 18.05.2018

VDP - 18.05.2018


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

14 maggio 2018


Rubrica "Degrado Urbano": una caletta di serie B



In questi giorni ci è giunta segnalazione da un concittadino che ci allerta sulla situazione nella zona della bellissima caletta di “Torre Incina”. Spazzatura gettata a caso, cumuli di rifiuti addirittura bruciati, in quella che dovrebbe essere una cartolina di Polignano. Forse una zona meno conosciuta e meno assaltata dai più (a questo punto verrebbe da dire: meno male!). Ma da quanto non viene ripulita? E perché non vi sono cestini almeno per la spazzatura? Una caletta periferica non è una caletta di serie B, specialmente in un paese che si fregia della Bandiera Blu.…
La nostra consigliera Maria La Ghezza ha già provveduto a segnalare la situazione alla Sezione Competente del Comune. Ci auguriamo che si intervenga subito.

Ricordiamo come basterebbe segnalare attraverso un’app gratuita, denominata “Decoro Urbano”, tutte quelle situazioni di degrado nel paese per cui è richiesto un pronto intervento delle autorità competenti. Lo chiediamo dal lontano 2012 senza riscontro dall’Amministrazione. E pensare che nel programma della coalizione di centrosinistra del 2012 vi era scritto esplicitamente: “Pronto intervento cittadino – Implementazione di servizi di geolocalizzazione di guasti, bidoni pieni, vandalizzazioni, dissesto stradale, problemi di viabilità per un ‘pronto intervento’ e per il continuo miglioramento della città”.
Sinora, le belle parole sono rimaste lettera morta. Questa maggioranza è stata anche in grado di bocciare la nostra mozione affinché i cittadini potessero avere, in futuro, uno strumento semplice ed efficace per rendere Polignano migliore e più efficiente. Incredibile!

Continuate ad inviarci le vostre segnalazioni.

VDP - 25.05.2018


Leggi anche:
- Decoro Urbano: attiviamo Polignano?
- Per chi ama davvero Polignano ecco il servizio gratuito "Decoro Urbano"
...attendiamo ancora risposta alla nostra richiesta, protocollata nell'ottobre 2012, di adozione della piattaforma decorourbano.org


Il nostro profilo DU: http://www.decorourbano.org/vedi-profilo/?idu=14101


"Se non vedi le cose negative del mondo che ti circonda vivi in un paradiso di idioti" (Jaggi Vasudev).


Inviateci le vostre segnalazioni:
- facebook: MoVimento 5 Stelle Polignano
- email: polignanorevolution@gmail.com


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

13 maggio 2018


Bagni pubblici: ecco una possibile "soluzione tampone"


Dopo aver depositato, il 10 aprile scorso, una prima interrogazione per chiedere una pianificazione ragionata e condivisa con le attività commerciali e le associazioni mirata ad individuare i luoghi per futuri ulteriori servizi igienici pubblici, stante l’attuale situazione di assoluta carenza, la consigliera Maria La Ghezza ha accolto il suggerimento partito dalle pagine del settimanale BLU ed è tornata a pressare l’Amministrazione sul tema.
Il Sindaco afferma che risolverà il problema della penuria di servizi igienici pubblici con il bando parcheggi che prevede l’installazione di bagni automatici autopulenti nelle aree adibite a parcheggio. Quando ciò potrà divenire realtà però non è dato sapere. Nell’attesa e quantomeno per tamponare la situazione del largo Marco Palo dove vengono fatti confluire numerosi pullman di visitatori, ci è sembrato dunque degno di considerazione il suggerimento di utilizzare i bagni del Campo Sportivo Madonna d’Altomare. Del resto, la stagione calcistica dovrebbe essersi conclusa (purtroppo nel peggiore dei modi con la retrocessione della Polimnia nel silenzio dell’Amministrazione) mentre quella turistica sta già spiccando il volo con i suoi fluissi considerevoli. Abbiamo, pertanto, chiesto all’Assessore Chiara Pepe se c’è qualcosa che impedisce di cogliere questa opportunità tampone. Attendiamo riscontri.

BLU - 11.05.18


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

12 maggio 2018


Rubrica "Degrado Urbano": La panoramica non è un bello spettacolo


Dopo il duro colpo inferto alla sua bellezza dall’orribile scarrafone “cubo”, la Lama Monachile vive purtroppo in uno stato di semiabbandono, dove la “passeggiata panoramica” realizzata oramai tanti anni fa sembra ogni giorno di più a pezzi. Lo dimostrano le eloquenti fotografie inviateci da un nostro concittadino del percorso che porta dal ponte romano sino al parcheggio di Specchia Sant’Oronzo. La risistemazione della Lama Monachile è proprio il progetto che il Comune sta portando avanti in queste settimane grazie al supporto del Gal Seb, il Gruppo di Azione Locale del Sud Est Barese, per la cui partecipazione di Polignano ci siamo lungamente battuto sin dall’autunno 2016. Il progetto “Interventi per la valorizzazione e la riqualificazione ecologica dell’area R.E.R. di Lama Monachile” mira all’ottenimento dei fondi POR Puglia 2014-2020 e ci auspichiamo vada a buon fine, portando alla rinascita dell’intera zona. Nel frattempo, però, c’è bisogno immediato di una sistemata e una ripulita per uscire dal degrado. Abbiamo allertato la nostra portavoce in consiglio Maria La Ghezza che provvederà ad interessare gli uffici comunali competenti.

Ricordiamo come basterebbe segnalare attraverso un’app gratuita, denominata “Decoro Urbano”, tutte quelle situazioni di degrado nel paese per cui è richiesto un pronto intervento delle autorità competenti. Lo chiediamo dal lontano 2012 senza riscontro dall’Amministrazione. E pensare che nel programma della coalizione di centrosinistra del 2012 vi era scritto esplicitamente: “Pronto intervento cittadino – Implementazione di servizi di geolocalizzazione di guasti, bidoni pieni, vandalizzazioni, dissesto stradale, problemi di viabilità per un ‘pronto intervento’ e per il continuo miglioramento della città”.

Sinora, le belle parole sono rimaste lettera morta. Questa maggioranza è stata anche in grado di bocciare la nostra mozione affinché i cittadini potessero avere, in futuro, uno strumento semplice ed efficace per rendere Polignano migliore e più efficiente. Incredibile!

Continuate ad inviarci le vostre segnalazioni.
VDP - 11.05.18



Leggi anche:
- Decoro Urbano: attiviamo Polignano?
- Per chi ama davvero Polignano ecco il servizio gratuito "Decoro Urbano"
...attendiamo ancora risposta alla nostra richiesta, protocollata nell'ottobre 2012, di adozione della piattaforma decorourbano.org


Il nostro profilo DU: http://www.decorourbano.org/vedi-profilo/?idu=14101


"Se non vedi le cose negative del mondo che ti circonda vivi in un paradiso di idioti" (Jaggi Vasudev).


Inviateci le vostre segnalazioni:
- facebook: MoVimento 5 Stelle Polignano
- email: polignanorevolution@gmail.com


Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More

11 maggio 2018


Intervista rilasciata a "La Voce del Paese" il 11.05.2018



1) Siamo ancora bandiera blu. Dopo 11 anni dei progressi saranno stati pur fatti..
Il fatto che Polignano abbia ricevuto l'11 Bandiera Blu, che peraltro costituisce il frutto di un'autocandidatura, non può costituire un punto di arrivo, bensì un punto di partenza. Sul sito della FEE, l’organismo che assegna questa certificazione volontaria, si legge che “la Bandiera Blu è un eco-label volontario per la certificazione di qualità ambientale delle località turistiche balneari […] Ai fini della valutazione, la qualità delle acque di balneazione è considerato un criterio imperativo, solo le località le cui acque sono risultate eccellenti possono presentare la propria candidatura. Tra gli altri criteri presi in esame si trovano anche: la depurazione delle acque reflue, la gestione dei rifiuti, la regolamentazione del traffico veicolare, la sicurezza e i servizi in spiaggia”. Molti di questi aspetti l’Amministrazione continua a non riuscire a garantirli ed a testimoniarlo sono le costanti denunce dei cittadini. Piuttosto che fermarsi a menar vanto di un vessillo, bisognerebbe rendere concreti molti aspetti che nella realtà non rispecchiano perfettamente i prerequisiti per ottenere proprio la Bandiera Blu. Si rischia di innalzare le aspettative di turisti e visitatori, lasciandoli maggiormente delusi. Cosa ce ne facciamo di questo riconoscimento se gli accessi al mare continuano ad essere chiusi? Attendo risposta all’interrogazione sul Piano Coste – che non si capisce che fine abbia fatto – almeno dall’8 marzo scorso. Chissà quali interessi lo tengono chiuso in un cassetto anziché approvarlo…Ma quello degli accessi al mare è solo un aspetto: se pensiamo che a Polignano non si riesce neppure a dare dei servizi igienici pubblici nonostante li si prometta da anni..

2) Che ne pensa delle ultime foto polemiche sulle invasioni di visitatori?
Credo che l'amministrazione Vitto stia fallendo ancora una volta. Anzitutto manca una politica turistica seria, basata sulla programmazione e sulla condivisione. Il Sindaco Vitto continua a trattenere la delega al Turismo, come nel suo mandato precedente, nonostante gli scarsi risultati della scorsa Amministrazione. Polignano attrae per le sue bellezze naturali, non per le buone politiche turistiche che vengono attuate. In campagna elettorale siamo stati gli unici a presentare una strategia turistica seria e dettagliata. L'ondata di turisti e visitatori che ha invaso il nostro paese il 25 aprile e il 1 maggio se da una parte ha fatto la fortuna di tanti commercianti e lavoratori, ha fatto emergere con prepotenza diversi problemi, tra cui l'assenza dei servizi igienici, in tutte le zone del paese, assenza che è stata compensata dall'ospitalità dei commercianti. Eppure nel suo programma elettorale il Sindaco Vitto parlava della realizzazione di nuovi bagni. E poi c'è il problema parcheggi, che ha fatto venire il mal di testa ai residenti.

3) Quali sono le vostre proposte sul turismo?
Le nostre proposte per il turismo sono quelle dettagliatamente contenute nel piano strategico che abbiamo predisposto dopo un accurato studio e confronto con gli esperti del settore e presentato durante la campagna elettorale con un convegno dedicato. Lo abbiamo persino messo a disposizione del Sindaco, il quale se smettesse di dire sempre “no” alle nostre proposte per partito preso, farebbe del bene ai cittadini, invece che a se stesso.

4) Come funzionerebbe l'Osservatorio sulla sicurezza?
Il funzionamento dell'Osservatorio sulla sicurezza deve spiegarlo ai cittadini ed alle imprese del nostro territorio chi lo ha proposto e sostenuto in consiglio comunale, se e quando sarà mai istituito e funzionante. Siamo stufi delle chiacchiere da bar, noi vogliamo i fatti. Certo la nostra proposta di istituire una task force composta da esperti ed operatori del settore (e non dalla conferenza dei capigruppo, poiché non mi pare che alcuno dei capigruppo in consiglio faccia parte della DIA o altre forze simili) era realizzabile con un semplice sì. Si sarebbero individuate le strategie adatte e si darebbe data una garanzia di sicurezza e stabilità al Paese. Ed invece il Sindaco Vitto alle nostre proposte, senza alcuna motivazione, dice solo e sempre “No!”. Non ha ben compreso che così va contro i cittadini.

5) Quali altre iniziative state preparando?
Siamo vigili e costanti sulle esigenze che provengono dal territorio e ci muoviamo di conseguenza con richieste, atti, interrogazioni, mozioni e segnalazioni. I cittadini chiamano e noi rispondiamo ed è così che dovrebbe essere.

6) Domenico Pellegrini ha dichiarato che vi vorrebbe più dialoganti e propositivi. Che ne pensa?
Adesso che leggo l'intervista del Consigliere Pellegrini cui Lei fa riferimento, Direttore, apprendo che “propositivi” è una Sua invenzione. Quanto al “dialoganti” abbiamo sempre detto che noi discutiamo e votiamo i temi nell'interesse dei cittadini e delle attività presenti sul nostro territorio, da chiunque essi provengano, e ne diamo dimostrazione in consiglio. A noi interessano i fatti, non le sterili logiche di partito. Inoltre siamo sempre coerenti: se sottoscriviamo la mozione di un’altra forza politica in Aula, al momento del voto, le assicuro che non ci asteniamo!

7) Chi sta facendo vera opposizione in questo paese?
Non sono abituata ad esprimere giudizi personali sugli altri. Penso al mio di lavoro e credo che con gli attivisti ed i nostri portavoce a Roma stiamo facendo del nostro meglio sul territorio. Seppur da forza di opposizione, raggiungiamo anche risultati, se pensiamo ad esempio all'adeguamento TARI alla legge sulle quote variabili, oppure alla scelta degli scrutatori tra i disoccupati o ai tanti bandi suggeriti che hanno portato fondi regionali e comunitari sul territorio di Polignano.

8) Quali sono gli interessi grossi su cui si regge questa maggioranza?
Deve chiederlo alla maggioranza, sapranno risponderle meglio.

VDP - 11.05.18



Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More