3 luglio 2021


Richiesto Consiglio monotematico per fare chiarezza sugli appalti


Nel corso dell’ultimo consiglio comunale, tenutosi nella serata di mercoledì 30 giugno, il MoVimento 5 Stelle ha presentato una formale richiesta di convocazione straordinaria del consiglio per fare chiarezza in aula in merito alle indagini sull’operato dell’Amministrazione Vitto, che vede al centro dell’attenzione della Guardia di Finanza alcuni appalti.

Certamente le indagini faranno il loro corso e mi auguro che gli uffici e la macchina comunale tutta si mettano a disposizione degli organi inquirenti, fornendo la massima collaborazione e trasparenza per dare risposte certe e chiare alla cittadinanza. Nel frattempo, però, è importante rompere il silenzio assordante di questa Amministrazione su indagini divenute di dominio pubblico attraverso gli articoli di stampa. La vicenda politica prescinde dagli aspetti penali, ciò che forse qualche consigliere di maggioranza non ha compreso. Parliamo di una vicenda che ha messo i riflettori sul nostro Comune e su cui i cittadini meritano chiarimenti e delucidazioni. Dopo tutto ciò che è successo che ha portato Polignano alla ribalta delle cronache regionali in una luce alquanto negativa, ritengo che le doverose spiegazioni dell’Amministrazione siano la minima forma di rispetto per i cittadini: Vitto accoglierà la nostra richiesta?

All’appello, per ora, ha risposto positivamente solo il consigliere Domenico Pellegrini. Solleciterò nuovamente gli altri consiglieri affinché la mia proposta venga accolta.

Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."


La Gazzetta del Mezzogiorno - 04.07.2021

Read More

4 aprile 2021


Dal Governo 5 milioni di euro per progetti di riqualificazione urbana



Al via le domande per i contributi del Dpcm sulla rigenerazione urbana. “Per il triennio 2021-2023 – dichiara il deputato Emanuele Scagliusi (M5S) – i comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti, non capoluogo di provincia, ed i comuni capoluogo di provincia o sede di città metropolitana, hanno facoltà di richiedere i contributi, per investimenti in progetti di rigenerazione urbana, volti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, nonché al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale ed ambientale – prosegue Scagliusi (M5S) – presentando apposita domanda al Ministero dell’interno - Direzione Centrale della finanza locale”.

Ciascun comune può fare richiesta di contributo per uno o più interventi nel limite massimo di: 5 milioni di euro per i Comuni con popolazione da 15.000 a 49.999 abitanti; 10 milioni per i Comuni con popolazione da 50.000 a 100.000 abitanti e 20 milioni per i Comuni con popolazione superiore o uguale a 100.001 abitanti e per i comuni capoluogo di provincia o sede di città metropolitana. Per presentare la domanda i Comuni dovranno utilizzare esclusivamente la nuova Piattaforma di Gestione delle Linee di Finanziamento (GLF), integrata nel sistema di Monitoraggio delle Opere Pubbliche (MOP).

Le risorse a disposizione sono pari a 150 milioni di euro per il 2021 e sono rivolte a tre tipologie di interventi: manutenzione per il riuso e rifunzionalizzazione di aree pubbliche e di strutture edilizie esistenti pubbliche per finalità di interesse pubblico; miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale e mobilità sostenibile. L’Amministrazione ha tempo sino al 4 giugno per fare domanda. Siamo certi che, almeno stavolta, non si perderà anche questa occasione messa a disposizione dal Governo.

 

Comunicato permanente alla partitocrazia: "In Natura e nella Storia tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Voi siete la fine, noi siamo l'inizio, o almeno ci proviamo."
Read More